Revenant

the-revenant-fn01Difficile tracciare un commento su un film così denso e carico di aspettative. Ovunque ci si provi a voltare, si sente l’indiscutibile ragionamento sugli Oscar. Su quello agognato da Di Caprio (più dai suoi fan che da lui probabilmente) e su quello della conferma per Inarritu. E in questo contesto di continuo rimbalzo tra paragoni e giudizi sommari si perde il confronto con la realtà, con l’essenza stessa

revenant-gallery-16-gallery-imageRevenant è il racconto di un abbandono,  della lotta eterna tra uomo e natura. Hugh Glass ferito e agonizzante si trova a percorrere chilometri e chilometri nel gelo dell’inverno per sopravvivere e compiere la propria vendetta. Non ironizzeremo sul fatto che la vendetta, appunto, è un piatto che va servito freddo. Surgelato quasi.

Screen Shot 2015-09-29 at 14.21.52E dal punto di vista della trama, le scelte narrative possono essere definite classiche, degli archetipi. Criticabili anche. Sono tuttavia però ricondotte a una necessità di primitività, un bisogno di corrispondenza ancestrale con l’ambiente aurorale della vicenda . Il già visto contenutistico però viene superato dall’incontro con il linguaggio stilistico. In bilico tra Malick e Herzog, Revenant è anche un gioco di equilibrio formale. Il silenzio assordante della natura, la recitazione ridotta e sottratta si contrappongono ai virtuosismi tecnici tipici dell’universo di Inarritu. Virtuosismi comunque ricondotti all’essenza (luci naturali, piani sequenza). Limiti e pregi di questa scelta si fondono e, in senso buono, si annullano. O meglio, si uniformano al resto e portano oltre, evocano. La maestosità dell’epica si fonde con l’estetica della violenza.  Nulla viene risparmiato alla visione, il transfer è totale.
rev2
Eccoci dunque immersi in un mondo altro, ostile e bellissimo. Ed è qui, in questa fusione tra la semplice potenza degli scenari e la ridondante complessità della forma, la forza trascendente di Revenant.
Ci sono almeno tre momenti indimenticabili (la lotta con l’orso, l’apparizione dei bisonti, la fuga a cavallo nel precipizio). Non mancano gli eccessi, è chiaro. Sequenze oniriche e colonna sonora appesantiscono la visione e rischiano di distaccare dall’essenza. Ma nonostante questo, ci troviamo di fronte a una esperienza cinematografica estrema. Ambiziosa, suggestiva e magnificente.

voto
♥♥♥♥½ /♥♥♥♥♥

alessandro venier

Annunci

4 pensieri su “Revenant

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...