SELMA – La strada per la libertà

20431-trailer-italiano-nomination-selma-la-strada-per-la-libertaNella primavera del 1965 un gruppo di attivisti, guidati da Martin Luther King, scelsero la cittadina di Selma nell’Alabama segregazionista per manifestare pacificamente contro gli impedimenti che negano ai cittadini afroamericani la possibilità di esercitare il diritto di voto. Ci vollero tre marce – due abortite da violenza e strategie –  da Selma a Montgomery per cambiare il corso degli avvenimenti. 
Il film di Ava DuVernay ripercorre questi fatti. Un micro avvenimento, un piccolo e fondamentale capitolo per selma-banner1riassumere la parabola del più grande attivista per i diritti della popolazione afroamericana. Una parabola che non discende, ma che viene tragicamente interrotta. E nel raccontare un uomo, racconta un popolo. Il film non arriva ai fatti di Menphis, si ferma a Montgomery. Racconta una delle tante lotte, cartina tornasole della battaglia per i diritti civili, delineando il complesso ritratto di Martin Luther King.
Il lavoro della regista, già premiata al selma-past-mirror-on-the-presentSundance per Middle of Nowhere, è un’operazione di sottrazione. Spoglia e sgonfia la figura dell’attivista, lo de-santifica, restituendo l’uomo. Ragiona sull’essenza, sulla complessità dell’essere leader e persona comune, raccontandone dubbi e errori, timori e coraggio. Fallimenti e vittorie. Tradimenti. Luci e ombre si alternano anche nella composizione stilistica del racconto coinvolgente della DuVernay. Alla fine emergono la complessità, il pensiero e la densità di King. Un uomo capace di sfruttare la propria forza pubblica per smuovere gli animi.  Un uomo spaventato dalle proprie responsabilità. Un uomo lungimirante e istintivo, mosso dall’unico obiettivo per il bene collettivo. Un essere umano.
SELMASelma-la strada per la libertà non è semplice cronaca. Documenta e descrive con toni sobri, mai agiografici, caratterizzando a 360° i protagonisti.
Non fa sconti, non celebra. Restituisce una riflessione complessa sul razzismo, ed eleva le dinamiche a toni universali.  Lo fa emozionando, suggerendo con sussurri, senza mai evidenziare o costringere. Racconta un popolo. Non è un film biografico, è un film collettivo. Intimo e seducente, privo di retorica, Selma – la strada per la libertà risveglia.
Film necessario.

voto:
♥♥♥½ / ♥♥♥♥♥ 

alessandro venier

Annunci

Un pensiero su “SELMA – La strada per la libertà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...