Sezione #(G)OLD movies: Django Unchained, 2012, Tarantino, USA

DJANGPUnchained.
Unchained come il titolo. Unchained come Tarantino. Quentin si, quello di Pulp Fiction. Quello che si inventò Kill Bill. Tarantino, quello il cui nome è ormai sinonimo di stile, genere, cinema. Il cinema Di Tarantino. Uno stilema vivente. Tarantino, l’unico in grado di esagerare senza freni. Ed esagerare con classe.
Due anni prima della guerra civile, lo schiavo nero Django (Jamie Foxx) viene comprato, liberato e assoldato dal dentista King Schultz (Christoph Waltz). La professione di dentista in realtà non la esercita in più. Per campare fa il cacciatore di taglie. Schultz ha bisogno di Django, unico in grado di riconoscere i tre fratelli Brittle sulla cui testa pende un’interessante taglia. Inizia l’avventura. Tra i due inizia un sodalizio, un accordo, potremmo dire anche un’amicizia. Django vuole ritrovare la moglie. Schultz decide di dargli una mano. Ad attenderli c’è il proprietario della donna, lo spietato Calvin Candie (Leonardo Di Caprio). django-1Tarantino prende un film che ha quasi cinquanta anni. Lo reinventa. Mastica e rielabora tutto il genere spaghetti – western. Corbucci, ma anche Sergio Leone e gli altri. Condisce il tutto in salsa pulp, mescolando perfettamente gli ingredienti con dialoghi brillanti e divertenti. Ha la consapevolezza di ciò che fa e la grandezza di non mancare di rispetto al passato, ma di omaggiarlo con delicatezza. Con amore. Ovviamente si parla di Tarantino. Il sangue scorre a fiume, i proiettili fanno più male rispetto a quanto accada nei “normali” western; “ca…o” si può dire, e viene detto più volte.
Forse però la pellicola di Quentin ha un leggero difetto. Il regista tende inevitabilmente alla dilatazione e, nella parte centrale, il film risulta eccessivamente prolisso.

django-unchainedCast perfetto. Waltz da Oscar. Foxx adatto alla parte. Di Caprio  interprete di classe.
Samuel L. Jackson? Nelle tarantinate non manca mai. Poteva mancare in questa? Non avrà più la carica di “Ezechiele etc etc” ma buca lo schermo come pochi.
Don Johnson, invece, ci regala momenti indimenticabili di ilarità.
Tarantino.
Le iene e Pulp Fiction erano l’infanzia. Bastardi senza gloria e Django sono la maturità.

***

Alessandro Venier
ale2

Annunci

5 pensieri su “Sezione #(G)OLD movies: Django Unchained, 2012, Tarantino, USA

  1. Ciò che ho apprezzato di più di Django é il fatto che Tarantino abbia fatto un film western senza snaturare il genere: infatti ci sono tutti gli elementi tradizionali (l’ amicizia virile, la vendetta, l’ eroe con una missione, eccetera) con in più l’ ironia e la qualità di scrittura tipiche dei film di Tarantino. C’é sia il rispetto per il passato che la voglia e l’ ambizione di dire qualcosa di nuovo. E quest’ obiettivo é stato brillantemente raggiunto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...