Gravity

GravityLo spazio come non lo avete mai visto. Dopo decenni di pellicole ambientate negli angoli più remoti dell’universo, sembra impossibile, che questa affermazione possa sembrare veritiera. Eppure l’immaginazione del regista messicano Alfonso Cuaròn va oltre. L’utilizzo della tecnologia tridimensionale raggiunge il suo apice poetico e regala finalmente al pubblico un’esperienza nuova, piena e indimenticabile.Gli astronauti Ryan Stone (Sandra Bullock) e Matt Kowalsky (George Clooney) si occupano delle riparazioni di una stazione orbitante nello spazio. Tutto sembra essere tranquillo, quando improvvisamente una sciame di detriti piove sulle loro teste. L’impatto è devastante. La stazione diviene inservibile e i due astronauti si trovano a vagare in una sorta di odissea spaziale.Gravity. Ultraterreno e metafisico, abbandona l’idea di spazio inteso come luogo di frontiera. Sceglie di affrontare i disagi interiori della protagonista (Bullock straordinaria) che, sola e impreparata, sarà destinata a dover lottare per sopravvivere e (ri)scoprire il proprio Io. Un viaggio immaginifico in un universo in cui la terra stupenda si innalza a promessa di speranza e salvezza. Così vicina, ma così difficile da raggiungere.La forza fisica e spirituale si fondono nella sfida alla morte in un’ora e mezza di tensione in cui è impossibile distogliere gli occhi dallo schermo. Sequenza iniziale straordinaria. Finale adrenalinico.
GRAVITY
***

Alessandro Venier
ale2

Annunci

Un pensiero su “Gravity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...